Brunello di Montalcino Riserva 2012

Abbiamo realizzato questo Brunello di Montalcino Riserva dai nostri vigneti situati a sud – ovest di Montalcino ad un’altitudine di 300-350 metri sml rivolti verso il mare e la Maremma. Questo territorio è la zona più calda di Montalcino. Qui il suolo è composto di arenarie e marne rocciose e consente la nascita di vini minerali e di buona struttura.

Categoria: Tag:

Brunello di Montalcino Riserva 2012

Abbiamo realizzato questo Brunello di Montalcino Riserva dai nostri vigneti situati a sud – ovest di Montalcino ad un’altitudine di 300-350 metri sml rivolti verso il mare e la Maremma. Questo territorio è la zona più calda di Montalcino. Qui il suolo è composto di arenarie e marne rocciose e consente la nascita di vini minerali e di buona struttura.

Vino eccezionale, molto elegante, minerale e complesso. Ottenuto da uve vendemmiate a mano e fermentate naturalmente, dopo soffice pigiadiraspatura, per due settimane. Il vino viene invecchiato in botti di rovere francese di Allier da 54Hl per 48 mesi. Affinamento in bottiglia di un anno minimo. Al naso si presenta pulito, intenso, con sentori di frutta molto matura e note balsamiche. In bocca è equilibrato, fresco ed intenso allo stesso tempo. Il tannino è persistente e ben maturo. Note di frutta nera e spezie accompagnano sentori di soffice vaniglia. Finale intenso.
Ottimo con formaggi stagionati, carni alla griglia e selvaggina.

Aspetti Agronomici

Altitudine: 330-350 mt slm. Esposizione: sud, sud-ovest. Composizione del terreno: di origine pliocenica, calcareo, ricco di scheletro e frammenti fossili. Sistema di Allevamento: cordone speronato unilaterale. Densità d’impianto: 5.000 piante di media per ettaro con sesto di impianto 2,50 x 0,80. Età delle viti: 18 – 25anni. Resa per ettaro: 50 q.li. Produzione media per pianta: 1kg.

Scarica la scheda tecnica Premi
Annate: 2010

Annata

5 STELLE I vini dell’annata 2012 hanno una notevole struttura, livelli di polifenoli molto alti e una intensità colorante molto elevata. I terreni di Montalcino, profondi e dotati di buona componente argillosa, hanno permesso di gestire al meglio la vegetazione e mantenerne il necessario equilibrio in una annata molto siccitosa e calda.